Ce l’hai fatta !

Questa è la risposta alla mia domanda.  La mia domanda era come posso essere assolutamente sveglio nel mezzo di una vita molto impegnata con la mia famiglia, guadagnandomi da vivere.

        Mentre ero seduto lì a guardarlo facendo quello che potevo per essere semplicemente e quando i cinque secondi erano finiti mi ha chiesto cosa fosse successo. Ho detto: “Beh, sono solo seduto qui”.  Lui disse, no, no, ti ho detto di non pensare. Sono seduto qui a pensare. Allora facciamolo di nuovo.  Così l’abbiamo fatto di nuovo.  A quel punto stavo iniziando a rendermi conto del pozzo senza fondo in cui avevo appena iniziato a cadere.

        Che non c’era scampo.  Che questo non era un gioco, che questo non era un raggiungimento, che questo non era la mente in alcun modo.  Così rimasi in silenzio per un paio di minuti e quando finì mi chiese cosa fosse successo.

        Non stavo per dire nulla, ma lui continuava ad insistere. Gli ho detto che non era successo niente e che era solo tranquillo e buio con un po’ di quello che succede quando si chiudono gli occhi.  Disse: molto bene.  Disse: ce l’hai fatta.

        Stava scherzando, dice: “Ce l’hai fatta, vero?” (come faccio a saperlo?).  Dice: “Sei sicuro di avercela fatta? E lui dice, Papaji dice, sono sicuro che ce l’hai fatta.  Ho detto: “Beh, Papaji, se tu sei sicuro, sono sicuro anch’io”.  E questo è tutto.

Abbiamo avuto altre interazioni da allora, ma suona strano che io dica questo perché venti anni di formazione Zen e Vipassana buddista erano totalmente contrari a questo, il maestro ha dato questo.  Mi ha dato il dono del risveglio.  Non è stato nulla che io abbia fatto. 

        Nei giorni seguenti, ogni giorno più realizzazione arrivava, del vuoto, più quiete, più silenzio e in quel silenzio tutto è conosciuto.  In quel silenzio c’è la realizzazione, non se ne può parlare.  In quel silenzio c’è la scomparsa dell’operatore individuale.  L’esecutore era la mente, dove si potrebbe chiamare il principio organizzatore centrale dell’individualità, l’ego, è stato frantumato in quel momento. 

      Era frantumato in frammenti, impulsi, i pensieri continuavano, i desideri andavano e venivano, la memoria, tutto era lì, ma non erano tenuti in uno schema chiamato individuo.  Stavano semplicemente scorrendo.  E senza un’identificazione totale non c’è continuità di alcun tipo di individuo che fa, quindi l’individuo che fa è stato distrutto.

Dasaarath Lucknow 1993

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *