Devageet who was Oshos personal dentist
Devageet who was Oshos personal dentist

Devageet

Devageet – Il dentista personale di Osho ha recentemente lasciato il suo corpo. Ha scritto questa poesia dopo che gli era stato diagnosticato il cancro. Era un gigante d’oro che ha lasciato questo mondo un posto migliore attraverso la ricchezza della sua generosa condivisione… Mi inchino in segno di gratitudine al suo spirito ruggente.

Ho il cancro.

Ha cancellato i miei domani.

Il mio albero della vita è stato ridotto all’essenziale.

C’è una nuova purezza di intenti.

Le priorità sono messe alla prova.

Il cancro ha dissolto la procrastinazione e

Mi ha lasciato gioioso e grato.

Il cancro ha rubato il mio bagaglio,

Ora, inaspettatamente, volo più in alto.

Forse sto ingannando me stesso.

Come posso saperlo?

Semplicemente raggiungendo il profondo del mio cuore.

Lì trovo gioia, buon umore, gratitudine e diletto.

Solo nella notte; attualmente mi sveglio diverse volte, il cancro si rivela come un risvegliatore.

Il mio sonno è stato profondo, ma ora,

grazie all’oncologia, ho superato la psicologia.

Che risata!

Non ho bisogno di sapere cosa viene dopo.

Ho bisogno di essere semplicemente presente qui-ora.

Risate, gioia, meditazione, amore, amicizia,

Sono con me in questo viaggio sorprendente.

Sono qui, ora, mentre scrivo.

Anche questa chemioterapia si sta rivelando un’amica inaspettata.

Chi l’avrebbe mai detto? Io no.

Ricordo che Osho diceva,

Non agire mai per paura.

Agire per paura, anche se sembra giusto, è sempre visto, prima o poi, come sbagliato.

Cerco la paura in me stesso.

Si sta nascondendo?

Non l’ho ancora trovata.

Ma la ricerca ha trovato un altro gioiello inaspettato:

La meditazione e la consapevolezza possono ora penetrare anche nel mio sonno.

Il cancro mi ha dato la spinta di cui avevo bisogno.

Mi ero a lungo considerato il presidente del club degli ‘studenti lenti’.

Lento o no, il cancro ha dimostrato che qualcosa è successo e continua a succedere.

Sì, forse mi sto prendendo in giro da solo.

E allora?

Sono nella verità, nella coscienza e nella beatitudine.

Seduto qui-ora, un anziano meditatore, pieno di farmaci citotossici, tranquillamente addolorato per la perdita della sua barba,

mi ritrovo a sorridere, poi a ridere di gusto.

Sto ballando dentro di me.

Amo la ridicolaggine di questo paradosso che sta accadendo.

Chi l’avrebbe mai detto?

Non io.

Ma poi, Osho non ha detto che la Morte viene danzando?

Questo qui-ora non sembra la morte, ma piuttosto una vita migliorata.

Qualunque cosa arrivi, in qualunque momento, io sono pronto,

Grato ben oltre queste povere parole.

Devageet ’15 gennaio 1938 – 26 gennaio 2021′

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enter Captcha Here : *

Reload Image